La stanza di vetro - Lettering
Gente distratta, gente che passa,
gente che paghi e poi nemmeno ti saluta,
gente arrogante, gente ferita,
gente che invoca una ragione per la vita.

E non è facile poter distinguere
chi sia la vittima da chi sia il carnefice,
ora che il lupo non va più dalle sue pecore,
ma sono loro, ignare, a offrirsi volontarie…

così dev’esser, così è mi disse un vecchio
ma per capirlo sai ci ho messo un po’ di tempo,
a volte sembra che qui tutto sia un inganno
ma troppo spesso male e bene corrispondono.

Ma quanti idoli, dèi e glorie vane
continuano a illudere generazioni,
ma quali lotte, quali memorie,
se rinneghiamo le nostre origini.

E non è facile poter distinguere
chi sia la vittima da chi sia il carnefice,
ora che il lupo non va più dalle sue pecore,
ma sono loro, ignare, a offrirsi volontarie…

così dev’esser, così è mi disse un vecchio
ma per capirlo sai ci ho messo un po’ di tempo,
a volte sembra che qui tutto sia un inganno
ma troppo spesso male e bene corrispondono;
così dev’esser, così è anche se il mondo
invano gira su se stesso e ti va contro,
c’è una giustizia che oltrepassa ogni processo,
conosco un uomo nato prima dell’aborto.

Così dev’essere, così è,
così dev’essere, così è,
così dev’essere, così è,
così dev’essere, così è…

così dev’esser, così è mi disse un vecchio
ma per capirlo sai ci ho messo un po’ di tempo,
a volte sembra che qui tutto sia un inganno
ma troppo spesso male e bene corrispondono;
così dev’esser, così è anche se il mondo
invano gira su se stesso e ti va contro,
c’è una giustizia che oltrepassa ogni processo,
conosco un uomo nato prima dell’aborto.



(Enrico Marcucci)